-2°

ULTIME NOTIZIE DA NON PERDERE!

Sport

Windisch: Staffetta nel mirino, rischio e' l'appagamento
Sport

Windisch: Staffetta nel mirino, rischio e' l'appagamento

 
Sciolti dubbi, Pellegrino-Noeckler per Team Sprint
olimpiadi

Pellegrino-Noeckler per Team Sprint

 
Milan: Galliani, Li insolvente? Ha presentato le credenziali
calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

 
Goggia, in discesa troverò la miglior Sofia
olimpiadi

Goggia: "In discesa troverò la miglior Sofia"

 
Curling: azzurri sconfitti dalla Corea
OLIMPIADI INVERNALI

Curling: azzurri sconfitti dalla Corea

 
Juve vince derby, Napoli resta in vetta
Calcio

Juve vince derby, Napoli resta in vetta

 
Tas conferma, aperta procedura su russo Krushelnitckii
olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

 
Coppa Italia, storica prima volta di Torino
BASKET

Coppa Italia, storica prima volta di Torino

 
Federer demolisce anche Dimitrov. Il numero uno sbanca Rotterdam
TENNIS

Federer demolisce anche Dimitrov. Il numero uno sbanca Rotterdam

 

Ci ha lasciati un amico della pallamano

Addio a Guido Sani

Addio a Guido Sani
0

Si è spento un amico della pallamano di Parma. E’ venuto a mancare Guido Sani, da anni cronista, per la Gazzetta di Parma, per il nostro e per altri sport.

Gli anni potevano essere tanti, 82, ma lo spirito era sempre quello di un ragazzo.

Amico di tutti, amava scherzare e goliardicamente “prendere e prendersi in giro”, senza però mai offendere nessuno, col solo scopo di fare un gioco tra “giovani”.

Anche ultimamente, con la salute che già gli causava problemi, non mancava di telefonarci per avere notizie sulla prossima stagione, per poter confezionare quelle poche righe (e questo era sicuramente un suo cruccio) che il suo giornale avrebbe destinato alla pallamano.

Ultimamente era rimasto molto contento del fatto che Parma ritornasse in A2 nella prossima stagione, convinto così di assistere a partite di un livello adeguato alla tradizione della pallamano della sua città.

 

Ci mancherà la sua presenza in quello che da anni era il suo “posto”, la sedia di fianco al tavolo dei classificatori e vicina a quella del medico di turno, molto spesso giovani laureati con cui amava scherzare e da cui si faceva aiutare nel documentare gli autori delle reti.

 

In una delle ultime telefonate con lui ricordiamo la sua tristezza per non poter affrontare adeguatamente tutto quello che avrebbe voluto fare per via di quella “strana malattia” da cui non riusciva a guarire.

 

Lo vogliamo ricordare con una fotografia che gli scattammo all’improvviso (non amava essere fotografato) al termine di una partita nel mese di febbraio di quest’anno.

 

Ci mancherai GUIDO,

 

CIAO da tutta la pallamano di Parma e provincia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

commenti 0